"Quelle come noi"!

Webnode

Cari lettori e lettrici,

benvenuti e benvenute!

Mi chiamo Veronica,ho 18 anni, frequento il 5 anno del Liceo Classico :D

L'anno scorso ho iniziato a "lottare" piu' attivamente contro il fenomeno della violenza sulle donne e ho deciso di creare questo sito per esprimere le mie idee in riguardo... vorrei dimostrare (almeno ci provero') che se ne puo' parlare anche senza essere eccessivamente "pesanti" !

 

Nella nostra societa' molte persone ignorano questa problematica (come tante altre,purtroppo) e credo che l'ignoranza  nel 21esimo secolo non sia piu' tollerabile.

Ne' tantomeno l'indifferenza verso le sofferenze, pressoche' atroci, di tante donne, ragazze e purtoppo anche bambine vittime di atti di violenza.

La violenza e' un fenomeno subdolo, molto difficile da riconoscere...gli esperti dicono che sia la piaga del nostro secolo, ma purtroppo esiste da sempre e possiamo solo impegnarci perche' NON ESISTA PER SEMPRE!

Fra qualche anno, personalmente mi piacerebbe lavorare in un centro antiviolenza o comunque avere contatti con le persone in difficolta' per questo tipo di problemi (in particolare vorrei aiutare, per quanto possibile e dal punto di vista psicologico, i bambini vittime di pedofilia ), ma non sapendo da dove partire per dare il mio contributo gia' da ora, mi e' venuto in mente Internet : una grande risorsa per comunicare con le persone, per diffondere le proprie idee , per confrontarsi che, se utilizzato correttamente, consente di fare grandi cose.

 

Anzi no,non servono grandi cose...secondo me l'interesse, l'informazione e la prevenzione possono gia' avere effetti molto positivi.

Quindi, riassumendo, gli scopi di questo  sito sono due : sensibilizzare l'opinione pubblica e permettere alle vittime che lo desiderano, di raccontare, ovviamente in forma anonima e nel rispetto della privacy, le loro esperienze per aiutare chi invece non le ha vissute a comprendere meglio il fenomeno oppure per dare ad altre vittime un messaggio di speranza.

E' difficile uscire dalla violenza, non lo nego. Ma nella vita anche il peggior buco nero e' sempre e solo un cerchio dal quale si puo' uscire, stringendo i denti (e facendosi aiutare ! ) .

E poi, non siamo sole!

Almeno una donna su tre ha subito violenza nel corso della sua vita, questo lo dicono i dati Istat.

Se tutte queste donne si stringessero per aiutarsi, forse il dolore per le esperienze vissute si attenuerebbe un po'.

Anche questo e' uno degli scopi del sito ed e' il significato profondo per cui e' stato scelto il titolo "Quelle come noi" , ripreso dalla canzone "Rose spezzate" di Anna Tatangelo.

Non per ghetizzare o discriminare le vittime, anzi proprio il contrario.

L'unione fa la forza e solo unite si possono raggiungere degli obbiettivi, anche cosi' seri.

Potete rispondere ai sondaggi o alle domande nel forum, scrivere commenti per chiedere informazioni o consigli, anche se non sono un' esperta :D Posso rispondervi solo con il cuore!

Sono nate un gruppo e una pagina su facebook,chiamate sempre "Quelle come noi".

Chiunque voglia entrare a farne parte, purche' condivida ovviamente le idee contro la violenza,e' benvenuto : 

http://www.facebook.com/groups/quellecomenoi/ 

 www.facebook.com/pages/Quelle-come-noi/499192790137484.

Troverete altre informazioni utile nella pagina "Chi siamo", sempre qui.

Spero che questo sito possa essere letto da molte donne, ma non solo (anche uomini!), e che sia uno spunto di riflessione per tutti!

Buona visita!!!

 


Io e Veronica

Ottobre. Liceo cominciato da poco, imprevisti, compiti, stanchezza.
“Dai una buona impressione ai prof. Le prime interrogazioni sono importanti”.
“Certo mamma”.
“Su Giulia, apparecchia la tavola”.
“Un momento, ora la faccio”.
“A proposito, hai già pensato a che vuoi fare da grande?”
“Ehm no”.
“Va be’ c’è tempo”.
Solite domande. Solite risposte apatiche. Solita noiosa vita di routine.

Un giorno vado a scuola. Ora di storia. La prof entra con il suo impeccabile vestito nero, capelli dritti a spaghettino, scarpe di marca, tutta tirata a lucido. La solita insegnante che finisce al primo posto nella classifica dei professori odiosi.
“Buongiorno ragazzi”
“Buongiorno professoressa”
“Oggi approfondimento sugli Egizi. Scrivete sul quaderno: Il ruolo della donna nella società egizia”
Tutti aprono i quaderni, prendono la penna e… “Bene, cominciamo. Dovete sapere che la letteratura ci tramanda un’immagine donna egizia frivola e infedele ma le fonti iconografiche la rappresentano sapiente e premurosa. A differenza degli altri popoli antichi, quello egizio aveva molto rispetto per la figura femminile: la considerava pari a quella maschile e la tutelava nel rapporto coniugale e nell’eventuale divorzio…”
La classe rimane stupita. Eravamo tutti convinti di sentirci dire le solite cose: “La donna era considerata inferiore, la donna veniva picchiata, la donna veniva condannata per adulterio, la donna veniva uccisa alla nascita…”. E invece? Tutto il contrario.
Alle nostre perplessità la prof risponde: “Ragazzi, comprendo il vostro stupore. Eppure è così. La donna in quei tempi era molto più rispettata di ora”. E prosegue abbattuta: “La società purtroppo, al posto di evolvere, regredisce. La donna oggi è spazzatura.”
La fisso sconcertata. Non posso davvero crederci: questa donna così all’antica ha detto una cosa sensata e coerente? E, soprattutto, io sono d’accordo con ciò che ha detto?

Non rendo quasi nulla pubblico. Mi piace tenere per me ciò che penso anche perché il più delle volte non viene accettato e compreso. O almeno questo era ciò che credevo prima di quel giorno.
Poi però capisco che quello che era successo era troppo grande per una persona sola. E l’ho condiviso su Facebook. Metterlo sul mio profilo sarebbe stato stupido. Non mi avrebbe capita nessuno. E allora cosa c’era di meglio di un gruppo a tema?

Scrivi qualcosa…
Questo è tutto quello che Facebook ci dice. L’ho sempre odiato per questo. Si spaccia per un amico che tenta di farci aprire ma poi è freddo con tutti. Però ora non mi importa. Sono troppo felice per la mia scoperta. Quella cosa tanto inaspettata quanto piccola, apparentemente insignificante, mi ha rivoluzionato la giornata. Cancello quella stupida frase che Facebook scrive a tutti per lavarsene le mani e scrivo quello che voglio scrivere, come quando dopo aver superato il tradimento di un amico ricominci una nuova vita.
“La prof di storia oggi ha detto che la società sta regredendo, che la donna oggi è spazzatura. Per una volta dice qualcosa di giusto”.
Semplice, chiaro, conciso.

Spengo il PC e vado a studiare l’approfondimento. Ci metto poco, le parole mi erano rimaste troppo impresse per la loro inusualità. Parità tra uomo e donna, rispetto, pene non differenziate in base al sesso... Ma quando mai le sentiamo queste cose? E, soprattutto, quando le vediamo concretizzate?
Torno su Facebook per vedere quanti mi hanno ignorato. (Il visualizzato è un’altra meravigliosa idea di Facebook. In questo caso però fa l’amica invidiosa e pettegola, quella che si spaccia per amica fidata e ti sbatte in faccia tutte le cose brutte che gli altri dicono di te con il solo scopo di farti stare male. Lei però la verità te l’ha detta).
Apro Facebook. Sei notifiche. Speriamo bene. Apro l’icona e scorro le scritte. Al quarto tentativo: “Veronica Picazzo ha commentato il tuo post nel gruppo”. Evvai. Allora non sono proprio invisibile.
“Già, hai ragione”. O qualcosa di simile. Vedo il suo profilo. Finalmente una ragazza! Vado d’accordo con gli adulti ma con i ragazzi si ha qualcosa in più di cui parlare.

Ho usato il cosiddetto presente storico perché la storia è avvenuta ieri ma ha valenza sempre. Un po’ come nei miti antichi in cui non ci sono riferimenti temporali precisi affinché il loro messaggio arrivi a prescindere dall’epoca storica.

Questo è l’inizio.
(Chiedo scusa ai lettori che dopo aver letto tutto ciò hanno appena capito che era solo la premessa)

Io e Veronica abbiamo cominciato a parlare su Facebook. Oggi ha perso il titolo come pessimo social network e peggior nemico di sempre. Ho iniziato ad apprezzarne le qualità dal momento che senza di lui non ci sarebbe stata questa splendida amicizia così come tante altre. In fin dei conti non è poi così malvagio come sembra. È come un bulletto che fa tante cose brutte ma in fondo ha un cuore tenero.
Ora la smetto di parlare di Facebook, non vorrei distogliere l’attenzione su quello che è il fulcro di questo articolo. E il fulcro è Veronica.

Dicono che sono brava a scrivere ma ci sono quelle cose di cui parlare è così difficile. E non solo quelle brutte. Anche quelle belle che lo sono a tal punto da non potersi descrivere. Può sembrare esagerato ciò che dico ma nell’ultimo anno sono cresciuta molto e gran parte di questo arricchimento lo devo a Veronica. Lei sostiene che sia stata io ad aiutarla ma le ricordo sempre che non è così. Quando l’ho conosciuta era una ragazza insicura e io le ho dato una “spintarella”. Tutto ciò di cui aveva bisogno era un po’ di sostegno da parte di un’amica che la rendesse consapevole delle sue potenzialità. Poi il nostro rapporto si è intensificato e abbiamo cominciato a sentirci al telefono. Al trascorrere di un anno dalla nostra conoscenza mi sento profondamente gratificata e realizzata per il cammino che abbiamo fatto insieme. Ho visto il suo progetto crescere a poco a poco così come la sua grinta, la sua forza, la sua determinazione. È la personificazione della voglia di vivere e di cambiare il mondo propria dei giovani di una volta. Sono felice di aver scoperto che la società non sta andando del tutto a rotoli. Per fortuna le persone che lottano per i propri sogni e danno il loro piccolo contributo a migliorare il mondo ci sono state, ci sono e ci saranno sempre.
Veronica è sempre pronta a intraprendere nuove iniziative e a dare alla luce nuove idee. Ha paura di ciò che la aspetta ma non per questo si rifiuta di affrontare il futuro. Ha delle ambizioni, degli ideali, dei progetti. E per questo la colloco nella categoria Sognatori. Ma tra quei
“sognatori” sognatori a cui non servono le virgolette perché sono autentici. Sono i Sognatori. Perché per “sognare” basta un attimo ma per Sognare occorre tutta la vita. Veronica è una Sognatrice e io ne sono certa. Lei costruisce piccoli e grandi sogni e ce la mette tutta per riuscire a realizzarli. Non li nasconde in un cassetto e aspetta qualcosa che non arriverà mai. In fondo solo un “sognatore”, appena trovato un seme, lo butta sul terreno e lo lascia lì. Un Sognatore invece se ne prende cura, lo innaffia, aspetta, gioisce nel vederlo Vivo, capisce che piccoli gesti hanno contribuito a fare qualcosa di grande. Per questo lancio un appello a tutte le donne di questo sito. Lottiamo per una giusta causa ma per riuscire nel nostro scopo dobbiamo essere unite. Anche se sparpagliate per tutta l’Italia. Come dico sempre, non ha senso lamentarsi della società attuale se non si fa nulla per tentare di migliorarla. Significa esserne parte attiva o semplicemente “sognatori”. Purtroppo al giorno d’oggi lo stato non ci tutela, anzi, ci “uccide” uccide. Siamo state vittime e spettatrici di troppe ingiustizie.
Potremmo far circolare una petizione dove chiediamo di essere maggiormente tutelate. Magari non cambierà nulla nella legge italiana ma almeno avremo sensibilizzato molta più gente. Oppure potremmo girare un video e metterlo su YouTube sempre allo stesso scopo. Tutte le idee sono accolte e sono contenta che ultimamente la gente stia prendendo a cuore il tema del femminicidio ma noi donne non vogliamo più comparire alla prima notizia del telegiornale per esaltare le buone azioni dei politici. Vogliamo che questi servizi fungano da denuncia al sistema!
È ovvio che questo problema interessa noi e se non lotteremo per impedire che avvengano altri soprusi e altre violenze non cambierà mai nulla. Questi atti verranno sempre minimizzati. Prevarranno l’omertà e la complicità di chi a paura.

A questo punto Veronica mi rivolgo direttamente a te. Scusa se forse non sono riuscita a trovare le parole più adatte per descrivere te, me, il nostro rapporto. Scusa se magari ho un po’ divagato. Penso che in un tema non avrei raggiunto la sufficienza.
Però sappi questo: anche se molti dettagli potranno sembrarti superflui non lo sono, perché senza di te tutta questa storia non avrebbe avuto senso.
Sei tu la vera protagonista. GRAZIE DI TUTTO

Vorrei anche ringraziare:
-Quelle come noi per la loro tenacia
-Facebook e il gruppo “NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE di Donne Unite” per avermi fatto conoscere Veronica e tante altre belle persone come Costanza, Anna, Giorgia, Claudia ecc.
-A Claudia Mehler e al suo libro molto profondo che mi ha insegnato a vedere l’abuso da un’altra prospettiva: quella di una madre e, in generale, di un genitore.

Per concludere, dedico questo articolo:
-A tutte le vittime del femminicidio
-A tutti i bambini che subiscono abusi
-A tutti coloro che non riescono a denunciare le violenze
-Agli abitanti di San Martino di Tauria Nova, che vivono nell’omertà e ad Anna Maria Scarfò, con la speranza che un giorno possa riuscire a perdonarli
-Ai sani programmi per bambini che fanno crescere consapevoli e senza paura di raccontare le ingiustizie subite i futuri cittadini del mondo
-Ai settimanali che hanno una sezione dedicata alle storie di donne e che puntualmente denunciano il femminicidio
-Ai centri antiviolenza che accolgono le vittime di violenze e di pedofilia e a tutti i volontari che trascorrono il loro tempo aiutando il prossimo in difficoltà
-A Carmela Cirella, ad Alfonso e ad Andrea che ancora soffrono per la sua scomparsa e per la giustizia che ancora non ha ricevuto
-A Valentina e alla sua giovinezza frantumata per mano di un uomo
-Al mondo e al sogno di poterlo cambiare

Giulia Vozza

 

 

 


Femminicidio

 

Riflettiamo sulle vite di queste donne, spezzate dall'ignoranza e dalla violenza


Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subìto,
per il suo corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato.
per l'ignoranza in cui l'avete lasciata,
per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato,
per le ali che le avete tagliato.
Per tutto questo:

"In piedi Signori davanti a una DONNA!"
(W.Shakespeare) 


http://sketchtoy.com/36345750
 


Sondaggio

Ho ricevuto delle critiche riguardo al nome del sito "Quelle come noi". Siete soddisfatte?

Si
61%
25

No,ad esempio perche' mi sento etichettata (mettete il motivo per cui non vi piace)
39%
16

Lo modificherei (suggeritemi il nome che voi dareste)
0%
0

Voti totali: 41


Sondaggio

Perche' il 96% delle donne che hanno subito violenza non denuncia?

denunciare non serve a niente
56%
24

nonostante si denunci,non si viene aiutati lo stesso
44%
19

Voti totali: 43


La giustizia italiana

Data: 29.12.2014

Autore: Johnd391

Oggetto:

Hello! This is my first comment here so I just wanted to give a quick shout out and tell you I really enjoy edkbddkcbecd

Rispondi

—————

Data: 27.09.2014

Autore: Smitha184

Oggetto: John

Hey very nice site!! Man .. Beautiful .. Amazing .. I will bookmark your blog and take the feeds alsoI am happy to find a lot of useful info here in the post, we need work out more techniques in this regard, thanks for sharing. . . . . . caadeebfcddddece

Rispondi

—————

Data: 05.07.2014

Autore: Smithe279

Oggetto: John

The principle isn't to artificially turn out to be effective, bcadcekeekeeaedd

Rispondi

—————

Data: 04.07.2014

Autore: Smithe360

Oggetto: John

I like this weblog very much so much good info. It's a poor sort of memory that only works backward. by Lewis Carroll. kaeecebeegdbdaga

Rispondi

—————

Data: 04.07.2014

Autore: Smithg817

Oggetto: John

Good day! Do you know if they make any plugins to safeguard against hackers? I'm kinda paranoid about losing everything I've worked hard on. Any recommendations? akekdbkgadfggddg

Rispondi

—————

Data: 03.07.2014

Autore: Smithe400

Oggetto: John

mometasone spray over counter deeeecgdegbgfccg

Rispondi

—————

Data: 29.06.2014

Autore: Smithc147

Oggetto: John

Thanks for the sensible critique. Me &amp my neighbor were just preparing to do a little research about this. We got a grab a book from our area library but I think I learned more clear from this post. I am very glad to see such wonderful info being shared freely out there. keckbbedddegcbdf

Rispondi

—————

Data: 27.06.2014

Autore: Smithd843

Oggetto: John

Some genuinely prize content on this internet site, bookmarked. dddfddaedkbffbae

Rispondi

—————

Data: 13.05.2014

Autore: Smithe997

Oggetto: John

Perfect webpage you have at this website! Precisely how could i add in this blog's feed into my Rss reader? dkgfdefebafecbdc

Rispondi

—————

Data: 17.06.2014

Autore: Veronica

Oggetto: John

Dear John,
thank you very much. Precisely, I don't know. So sorry :'(

Veronica

Rispondi

—————





Don Corsi,parroco di Lerici

Data: 10.01.2013

Autore: Giulia

Oggetto: Ti dico come la penso...

Io sono molto arrabbiata e offesa per la locandina di Don Corsi... Purtroppo molta gente ha una visione troppo limitata ed estrema della realtà! Io difendo spesso le donne ma questo non vuol dire che non riconosca tutti gli errori che commettono (anzi, che commettiamo). Molte donne sono subdole, aggressive, crudeli, provocatorie ma dire che sono la causa principale del femminicidio mi sembra davvero un affronto! Padre Corsi, si vergogni! Dio non ci insegna a essere violenti né tanto meno a diffondere violenza... Lui ci insegna ad amare il prossimo e a ricorrere al dialogo per risolvere i problemi... Se poi nella Bibbia ci sono riferimenti all'infedeltà della donna, dobbiamo riconoscere che è stata scritta secoli fa quando c'era ancora una mentalità antica e la donna era ritenuta inferiore all'uomo... quindi per favore non arrampichiamoci sugli specchi! Questo parroco ha sparato una gran ****** che non ha giustificazioni, rivelando di avere un pensiero eccessivamente maschilista e di non essere in grado di rappresentare Dio in quella che è la Chiesa.
(Ovviamente il mio parere può essere condivisibile come non, quindi per favore evitiamo gli insulti nei confronti di ciò che ho scritto, grazie!) -Alla prossima Veronica❤-

Rispondi

—————

Data: 12.01.2013

Autore: Veronica

Oggetto: R: Ti dico come la penso...

Certo,quello che dice puo' essere condivisibile o no.Ti dico che assolutamente da parte mia lo e'.Questo non e' un sito in cui e' possibile insultare e il primo che scopro essere irrispettoso,lo caccio senza pieta'! e' sempre con rispetto che si deve discutere e scambiarsi dei punti di vista...

Rispondi

—————

Data: 09.01.2013

Autore: Veronica

Oggetto: caso Lerici

Mi rivolgo a tutte le donne vista l'ingiustizia che abbiamo subito...sto alludendo alla vicenda di cui si e' molto parlato al telegiornale in questa vacanze di Natale,cioe' la locandina che il parroco Don corsi ha appeso sulla bacheca della sua chiesa,a Lerici.Volevo sentire le vostre opinioni e chiedervi : cosa possiamo fare per farci sentire,per difendere la nostra posizione,per abolire le mentalita' arcaiche che vedono la donna come provocante e incline al peccato? Ringrazio anticipatamente tutte quelle che risponderanno :)

Rispondi

—————





Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:



 
"Questo blog non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001"
Si informano gli utenti che alcune immagini presenti su questo blog sono state trovate su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità/maternità, può inviare un' email a: veronica.picazzo@hotmail.it.
Le immagini verranno immediatamente tolte dal blog. Legge nr. 62 DEL 07.03.2001


Ogni commento postato in questo blog è soggetto a moderazione prima della sua pubblicazione.

 


Nessuna di noi è vittima della violenza, tutte siamo testimoni di un crimine contro le donne.

Anche chi non ha subito violenza - per fortuna - può e deve testimoniare con le "altre".

Una donna sola è una vittima.

Iinsieme diventiamo testimoni.

Pina Nuzzo



"Ci sono dolori da cui e' impossibile guarire,il nostro e' uno di questi.

Ma questo non ci impedisce di camminare insieme agli altri con le spalle dritte e i piedi fermi a terra.

Una cicatrice e' un segno indelebile,non una malattia.

La vita, quello che pensavamo ci avessero tolto,

possiamo riprendercela,

anche se per farlo abbiamo dovuto dimenticare per sempre il ricordo dei bambini che eravamo" 


"Quando ti torturano, l'importante non e' che ti torturano.

L'importante e' che sei vivo"

 


I am Amnesty,

you are Amnesty,

WE ARE AMNESTY!


Contatti

Quelle come noi

veronica.picazzo@hotmail.it

Webnode

 

Serve che gli uomini vengano educati al rispetto ed alla gestione delle proprie emozioni, violenza ed aggressività...

è un impotente un uomo che non sa controllarsi e tenersi in consapevolezza e meditazione.

Marianna Vasile


Siti consigliati :

http://essereunadonna.webnode.it (blog di Giulia Vozza)

http://giornalinoparodi.wordpress.com/ (giornalino della mia scuola)

http://violenza-donne.blogspot.it/

http://www.senonoraquando.eu/

http://www.antiviolenzadonna.it

http://www.nondasola.it/

http://www.alberodivalentina.it

http://www.medeacontroviolenza.it/ (centro antiviolenza Alessandria)

http://dallapartedelledonne.wordpress.com (blog di Andrea Vincenzini)

http://www.ilsitodelledonne.it

www.empatiadonne.it

http://www.ilfioreuomosolidale.org

http://ognidonnasonoio.blogspot.it

 

http://gabritivogliobene.wordpress.com/ (mio primo blog)